John Barleycorn

To celebrate the very special festival of Lughnasadh, I’m glad to introduce my new pattern, John Barleycorn.

Yep, you got it: as a celebration of the powers of Nature during this special day, I’m proud to publish a new shawlette named John Barleycorn.

John Barleycorn is the title of a British folk song, whose main character is the personification of the barley, and of the main alcoholic beverages made from it, beer and whisky. It’s a meaningful song, and I decided to name the shawlette after its character both because of the stitch and the colour I used. The stitch reminds barley’s grains, and the rich dark yellow made me think of ripe barley fields – and of blonde beer, of course.

It’s an easy pattern, ideal for beginners, which creates a textured shawlette, perfect for late Summer evenings.

With the coupon Lugh, you can get John Barleycorn for free till August 2, 2017 at 23:59 GMT+1.

After that, with coupon Tailtiu you can get John Barleycorn with a 30% discount from August 2, 2017 at 23:59 GMT+1 to August 5, 2017 at 23:59 GMT+1.

Per celebrare Lughnasadh, sono lieta di presentarvi il mio nuovo modello, John Barleycorn.

Esatto: per festeggiare la Natura in questo giorno speciale, ho pubblicato un nuovo scialle, John Barleycorn.

John Barleycorn è il titolo di una canzone folk britannica che ha per protagonista la personificazione dell’orzo, e delle principali bevande alcoliche derivate dal cereale, la birra e il whisky. Si tratta di una canzone ricca di significati, e ho deciso di dare lo stesso nome al mio scialletto sia per il punto che per il colore. Il punto, infatti, ricorda i chicchi d’orzo, e il giallo ricco del filato fa pensare ai campi d’orzo maturo – ed alla birra bionda, naturalmente.

Si tratta di un modello facile, ideale per i principianti, che crea uno scialletto perfetto per le notti di fine estate.

Utilizzando il coupon Lugh, potete avere John Barleycorn gratis fino alle 23:59 GMT+1 del 2 agosto.

A seguire, con il coupon Tailtiu potete acquistare John Barleycorn scontato del 30% dalle 23:59 GMT+1 del 2 agosto alle 23:59 GMT+1 del 5 agosto.

Tunisian crochet pattern books for beginners / Libri di modelli di uncinetto tunisino per principianti

I wrote about Tunisian crochet books for beginners, but today I’d like to concentrate on Tunisian crochet pattern books who are suitable for beginners.

There are many Tunisian crochet pattern books out there, and here’s a list of my personal favourites which, I believe, can help beginners who want to transition from simple swatches to finished items. They are all by famous designers you probably already know, but maybe I can give you some interesting hints about said books.

My favourite Tunisian crochet pattern books for beginners:

  • Get Hooked on Tunisian Crochet by Sheryl Thies (here in digital version); I love Sheryl, as I said before, and I think this book is marvelous, especially for beginners;
  • Ultimate Beginner’s Guide to Tunisian Crochet (here in digital version) by Kim Guzman; a great selection of patterns, from easy to intermediate;
  • Tunisian Shawls (here in digital version) by Sharon H. Silverman; a book of shawls, of course, so if you love such items you’ll love this book. There are some complex shawls in this, but there are also easy ones, so if you want to learn how to make Tunisian crochet shawls, this will suit you fine.

These are 3 great books which I’m sure will help you figure many Tunisian crochet passages out; the projects in them are all lovely and fun to make, so if you have the chance consider buying ’em. You won’t regret it.

Qualche tempo fa ho scritto di libri di uncinetto tunisino per principianti, e oggi vorrei concentrarmi sui libri di modelli adatti appunto ai principianti.

Ci sono molti libri di uncinetto tunisino in giro, e di seguito troverete una lista di alcuni tra i miei titoli preferiti che, a mio avviso, possono essere di grande aiuto ai principianti che vogliono passare dai campioni ai capi terminati. Sono libri di designer famose che probabilmente già conoscerete.

Ecco i miei consigli:

  • Get Hooked on Tunisian Crochet di Sheryl Thies (qui in versione digitale); adoro Sheryl, come ho già detto, e credo che questo libro sia fantastico, soprattutto per chi è agli inizi (ma non solo!);
  • Ultimate Beginner’s Guide to Tunisian Crochet (qui in versione digitale) di Kim Guzman; una selezione di modelli molto vari, dai più semplici a quelli un pochino più elaborati;
  • Tunisian Shawls (qui in versione digitale) di Sharon H. Silverman; si tratta di una raccolta di scialli, naturalmente, quindi se apprezzate i capi in questione vi piacerà. Ci sono alcuni scialli piuttosto complessi, ma anche diversi molto facili, quindi se volete imparare a creare scialli ad uncinetto tunisino, è il libro che fa per voi.

Sono 3 ottimi libri che di sicuro aiutano a capire alcuni passaggi chiave dell’uncinetto tunisino; i progetti sono belli e divertenti da realizzare, perciò se avete la possibilità di acquistarli non perdeteveli. Non ve ne pentirete.

Tunisian Crochet by Sharon H. Silverman

I was waiting for the digital version of Sharon H. Silverman’s Tunisian Crochet, and now that I got it I must say it: I love it!

Since I approached Tunisian crochet, I’ve been a fan of Sharon H. Silverman‘s designs. I deeply admire her because she creates simple-looking yet very stylish garments and accessories, which are both fun to make and nice to wear.

I’ve been waiting for her Tunisian Crochet to be available in digital; now I finally got it, and I really love it.

The book is perfect for those who don’t know Tunisian crochet at all: Sharon teaches the basis of the technique, then brings the reader through 16 projects to master what they learnt.

If you already know Tunisian crochet, don’t miss the book anyway: the projects are just amazing, and you’ll surely enjoy making ’em.

So, would I recommend this book?

Definitely! If you have the chance to buy it, go and get it: you won’t regret it!

5671195

Ho aspettato che Tunisian Crochet di Sharon H. Silverman fosse disponibile in versione digitale: finalmente l’ho comprato, e lo adoro!

Da quando mi sono avvicinata all’uncinetto tunisino ho ammirato i design di Sharon H. Silverman. Mi piace in modo particolare la sua capacità di creare capi e accessori semplici ma con stile, che sono sia divertenti da realizzare che belli da indossare.

Ho aspettato che il suo Tunisian Crochet fosse disponibile in digitale; ora l’ho acquistato, e mi ha davvero colpita.

Il libro è perfetto per chi non conosce affatto l’uncinetto tunisino: Sharon insegna le basi della tecnica, poi accompagna il lettore attraverso 16 progetti per mettere in pratica quanto imparato.

Se conoscete già l’uncinetto tunisino, non perdetevi comunque questo libro: i progetti sono fantastici, e di sicuro vi divertirete a realizzarli.

Quindi consiglio questo libro?

Assolutamente sì! Se avete la possibilità di comprarlo, non fatevelo scappare: non ve ne pentirete!

Il libro si può acquistare in versione cartacea seguendo questo link, o in versione digitale qui.

Tunisian crochet books for beginners – Libri sull’uncinetto tunisino per principianti

I’ll never grow tired of repeating how important it is to follow good books when learning a new technique. This applies to Tunisian crochet as well, of course.

As much as I love the internet, I do believe that good books are really important to learn techniques and crafts, especially if you’re teaching yourself how to do something. Don’t underestimate the utility of a good book.

So, which are the best books for Tunisian crochet beginners?

In my humble opinion, the following titles are all amazing. I’m dividing ’em between stithionaries and manuals.

Stitchionaries:

Manuals:

These books will provide you both stitches and useful suggestions on how to work properly with Tunisian crochet. They’re really worth having.

Non mi stancherò mai di ripetere quanto sia importante seguire dei buoni libri quando si impara una tecnica nuova. Questo vale anche per l’uncinetto tunisino, naturalmente.

Per quanto apprezzi internet, ritengo che i buoni libri siano molto importanti per imparare tecniche e lavorazioni, soprattutto se si è autodidatti. Non sottovalutate l’utilità di un buon libro. La bravissima Valentina Cosciani ha approfondito bene l’argomento in un suo articolo per Maglia-Uncinetto che vi consiglio di leggere. Ovviamente, i suoi consigli valgono anche per l’uncinetto tunisino!

Quali sono i migliori libri per principianti dell’uncinetto tunisino?

Secondo il mio modesto parere, i titoli che seguono sono strepitosi. Li divido tra raccolte di punti e manuali veri e propri.

Raccolte di punti:

Manuali:

Tutti questi libri contengono sia punti che consigli utili su come lavorare al meglio ad uncinetto tunisino. Sono davvero libri che vale la pena avere.

The Magic Dragon

I’ve always loved the look of dragon’s tails scarves and shawls, and I couldn’t resist making my own version.

Well, dragon’s tails scarves/shawls are very popular, especially among Tunisian crocheters. Almost every one of us made at least one of these, often as a first project, but also for a fun, relaxing break among more difficult items.

I have no idea who “invented” the item itself, but many designers made their own versions of it. Among them, my favourite is Veronika Hug: she has various Tunisian crochet dragon’s tails tutorials on her YouTube channel. In particular, her Drachenschal Mailand inspired me to try and make a slightly different lacey dragon’s tail. I talked to Veronika, and she was very happy about this idea. So, off I went to write the pattern, had it tested, and now it’s available!

According to the spirit of the dragon’s tails that inspired me, The Magic Dragon is free and will stay free. I do hope you’ll enjoy it – and maybe this dragon’s tail will bring a bit of magic to you.

You can download The Magic Dragon directly from Ravelry, both in English and Italian.

Mi sono sempre piaciuti gli scialli e le sciarpe a coda di drago, e non ho saputo resistere: dovevo farne una mia versione.

Gli scialli e le sciarpe a coda di drago sono molto popolari, soprattutto tra gli appassionati di uncinetto tunisino. Quasi tutti ne abbiamo fatta almeno una, spesso come primo progetto, ma anche solo per divertirci un po’ rilassandoci tra un progetto impegnativo e l’altro.

Non so chi abbia “inventato” il modello in questione, ma molti designer ne hanno proposto versioni personali. Tra questi, la mia preferita è Veronika Hug: sul suo canale YouTube si trovano diversi tutorial per questo tipo di accessorio. In particolare, mi sono lasciata ispirare dalla sua Drachenschal Mailand per creare una nuova coda di drago traforata. Ho parlato con Veronika, che si è mostrata molto felice dell’iniziativa. Così, tempo di scrivere il modello e farlo testare, et voilà: ora è online!

Nello spirito dei modelli che mi hanno ispirata, The Magic Dragon è gratuito e rimarrà tale. Spero che vi piacerà – e magari questa piccola coda di drago vi donerà un po’ di magia.

Potete scaricare The Magic Dragon da Ravelry, in italiano e inglese.

Taraxacum – Triangular Shawl

Chi ha detto che l’uncinetto tunisino non è adatto ai capi in pizzo? Chiunque sia stato, il mio nuovo scialle, Taraxacum, dimostra che ha torto!

Spesso si associa l’uncinetto tunisino a tessuti piuttosto pesanti, ma non lasciatevi ingannare: è perfetto anche per creare bellissimi motivi in pizzo! Il mio primissimo scialle, Taraxacum, rende bene l’idea: con soli 100 g / 800 m di filato lace Ortica 400 di Borgo de’ Pazzi ho creato uno scialletto (che si può indossare anche come sciarpa) leggero come l’aria.

Ne sono molto orgogliosa – e ancora di più perché è il primo modello che ho realizzato in collaborazione con una filatura famosa, quindi mi sento davvero onorata!

La difficoltà di Taraxacum è valutata intermediate secondo i canoni del Craft Yarn Council, quindi se siete principianti dell’uncinetto tunisino vi consiglio di iniziare con qualcosa di più semplice e poi cimentarvi con questo. Tra i miei modelli, se volete prendere confidenza con il pizzo ad uncinetto tunisino, vi suggerisco Foglioline e/o Like a Wave of the Sea.

Potete acquistare il kit filato + modello qui.

 

18671626_308848102862327_3225944795605040947_o

taraxacum__2__medium2

Who says Tunisian crochet doesn’t suit lace?  Whoever they are, my brand new shawl, Taraxacum, proves ’em wrong!

Tunisian crochet is often associated with rather heavy fabrics, but don’t be fooled: it can be used to create wonderful lacey patterns, too! My very first shawl, Taraxacum, shows this very well: with only 100 g / 800 m of lace yarn Ortica 400 by Borgo de’ Pazzi I created a shawlette (which can be worn as a scarf, as well) that is light as a breeze.

I’m very proud of it – even more because it’s the first pattern that I made in collaboration with a famous yarn brand, so I feel really honoured!

Taraxacum‘s difficulty is rated intermediate according to Craft Yarn Council’s standards, so if you’re a Tunisian crochet beginner I would recommend starting with something easier, then come back and try your hand at it. Among my patterns, if you want to practice with Tunisian lace, I would suggest Foglioline and/or Like a Wave of the Sea.

You can find Taraxacum’s English version online for free here.

In case you speak Italian and want the Italian version, you can buy the yarn + pattern kit here.

Giza by Borgo de’ Pazzi

Giza is a cotton yarn by Italian brand Borgo de’ Pazzi, which I’ve been lucky enough to try and test myself. Here are my thoughts about it.

Giza is a very interesting yarn: it’s 100% Egyptian cotton, not mercerised, and it comes in 50 g / 125 m skeins. One thing you immediately notice when you touch it is how soft it feels. Unlike mercerised cottons,  Giza perfectly maintains cotton’s natural softness.

The yarn is pure delight to work with.

It doesn’t split at all, it slips well on tools (but not too much!), and the result is lovely both with fabric and lace stitches. In fact, the stitches’ definition is great, so I would suggest using this yarn for textured items and for ones who use open stitches as well.

If you’re looking for a cotton with which to make a Spring/Autumn nice shirt (like Geis by Alice Twain), or a nice Summer shawl (like Chworktap, also by Alice Twain), this is the yarn for you.

Giza is available in one-color, variegated and blended (which creates a great pooling effect when worked, as you can see from Chworktap).

Thanks to Borgo de’ Pazzi for providing me with the yarn for this review.

Giza è un filato di cotone di Borgo de’ Pazzi, che ho avuto la fortuna di provare in prima persona. Ecco che cosa ne penso.

Giza è un filato molto interessante: è cotone egiziano al 100%, non mercerizzato, ed è venduto in gomitoli da 50 g / 125 m. Una cosa che si nota subito toccando Giza è quanto sia soffice. A differenza dei cotoni mercerizzati, infatti, Giza mantiene intatta tutta la morbidezza della fibra.

Lavorare il filato è stupendo.

Il filo non si separa, scivola bene sugli strumenti (ma non troppo!), e il risultato finale è intrigante sia con i punti tessuto che con i punti pizzo. In effetti, la definizione dei punti è fantastica, quindi suggerisco di provarlo sia con capi che utilizzano punti tessuto elaborati che con accessori che presentano punti aperti.

Se cercate un cotone con cui farvi una bella maglietta primaverile/autunnale (come Geis di Alice Twain), oppure uno scialle estivo (come Chworktap, sempre di Alice Twain), questo è il filato che fa per voi.

Giza è disponibile a tinta unita, variegato e sfumato (quest’ultimo crea un effetto pooling fantastico, come potete vedere da Chworktap).

Se volete leggere altri pareri su Giza, qui trovate una recensione di Alice Twain, e qui una di Ivan Lazzaretti.

Grazie a Borgo de’ Pazzi per avermi fornito il filato per questa recensione.

 

 

Dela Wilkins’ “Railway Knitting Workbook: The Journey Continues”

Last year I came to know, trough Ravelry, a great Tunisian crochet enthusiast, teacher and designer, Dela Wilkins. I discovered and immediately bought her book, “Railway Knitting Workbook: The Journey Continues”, and here are my thoughts about it.

Railway KnittingFirst thing you should know, Dela Wilkins‘ “Railway Knitting Workbook” is not a book about knitting, it’s about Tunisian crochet. Yep, you got it right. Railway knitting was one of the many names used in 19th century for Tunisian crochet, and has nothing to do with knitting. This said, let’s talk about the book!

Dela’s book is a compact but really complete manual, which includes the technique’s fundamentals, beginning from chain and foundation row, going on to the various opportunity Tunisian crochet offers. This means we’ll learn how to build items, give ’em shape, choose best stitches and much more.

Not only that: Dela encourages us to explore Tunisian crochet’s possibilities. Her philosophy, in her own words:

“My favorite questions became: What happens if I do this…? What happens if I change colours here? What if I work this stitch in the round?”

“Seeing a rule, such as Never turn your work, would make me ask what happens if I do turn the work?”

So, what Dela really wants us to do is to take up our hooks and, well, hook! See what happens, see how it turns out. Don’t ignore the basis of the technique, but go beyond ’em and if you like the result, keep going. Isn’t that just inspirational? 

I honestly wish I had known this book when I was teaching myself Tunisian crochet, because it would’ve helped me an awful lot. So, if you’re a beginner, this is definitely a book you should have on your shelf. And if you already know what you’re doing, I think you will enjoy it a lot all the same. It’s such an interesting reading!

Plus, if you live in Canada or are planning a visit there in the future, remember that Dela, also known as The Railway Knitter, teaches Tunisian crochet classes on trains! Yep: you can find her on the VIA trains between Vancouver and Toronto, as part of the Artists-on-Board program with VIA Rail. Isn’t that fun?

You can buy Dela’s book in e-format on Amazon, or you can purchase it directly from the editor’s website, both in paper (hardcover and paperback) and in e-format.

If you want to read more about Dela Wilkins and her railway classes, you can check The Crochet Crowd and Moogly.

9f4ca16c-4264-44c4-bc81-6ad9aaa2b710

L’anno scorso, attraverso Ravelry, ho conosciuto una grande entusiasta di uncinetto tunisino, che è anche un’insegnate ed una designer, Dela Wilkins. Ho scoperto e subito acquistato il suo libro, “Railway Knitting Workbook: The Journey Continues”, di cui parlerò in questo post.

Railway KnittingInnanzitutto, dovete sapere che il “Railway Knitting Workbook” di Dela Wilkins non ha nulla a che vedere con la maglia (knitting). Sì, avete capito bene. Railway knitting era uno dei molti nomi utilizzati nel XIX secolo per definire l’uncinetto tunisino, e non c’entra niente con la maglia. Detto questo, parliamo del libro!

Si tratta di un manuale compatto ma molto completo che parte dalle basi della tecnica, cioè dalla catenella e dalla riga di inizio, per poi approfondire le svariate possibilità che ci offre l’uncinetto tunisino. Questo significa che impareremo a costruire i nostri accessori, sagomarli, scegliere al meglio i punti, e molto altro ancora.

E non solo: Dela ci incoraggia ad esplorare le potenzialità dell’uncinetto tunisino. La sua filosofia, traducendo le sue stesse parole:

“La mie domande preferite sono diventate: Che cosa succede se faccio questo…? Che cosa succede se qui cambio colore? E se lavoro questo punto in tondo?”

“Trovarmi di fronte ad una regola, come Non girate mai il vostro lavoro, mi portava a chiedermi Che cosa succede se giro il lavoro?”

In pratica, ciò che Dela vorrebbe che facessimo è impugnare i nostri uncinetti e utilizzarli! Vediamo cosa succede, vediamo come viene il lavoro. Non ignoriamo le basi della tecnica, ma andiamo al di là e se ci piace il risultato, continuiamo così. Non è un’ispirazione?

Onestamente, avrei voluto conoscere questo libro quando stavo imparando l’uncinetto tunisino, perché mi avrebbe aiutata tantissimo. Quindi, se siete principianti, è davvero un libro che dovreste avere nella vostra collezione. E se conoscete già la tecnica, penso che trarrete comunque giovamento dalla sua lettura. E’ davvero molto interessante!

In più, se avete in programma un viaggio in Canada, sappiate che Dela tiene i suoi corsi durante gli spostamenti in treno tra Vancouver e Toronto e zone limitrofe. Proprio per la peculiarità del suo ambiente di insegnamento è abituata a rivolgersi ad un pubblico di principianti assoluti che non hanno mai tenuto un uncinetto in mano e, spesso, anche a persone che conoscono poco l’inglese. Questo è un vantaggio per chi non ha grande familiarità con la lingua, perché il testo è scritto in Grade 6 English, cioè appunto il livello consigliato per i non madrelingua.

Potete acquistare il libro di Dela in formato digitale su Amazon, oppure direttamente tramite il sito dell’editore, qui sia in formato cartaceo (copertina rigida e formato cartaceo) e digitale.

Se vi ho incuriositi, potete leggere di più su Dela e sui suoi corsi in treno su The Crochet Crowd e Moogly.

Flambé by Borgo de’ Pazzi

Flambé is the name of a cotton yarn by Italian brand Borgo de’ Pazzi, which I had the luck and privilege to test. Here are my thoughts about it.

Flambé is a carded, not mercerized cotton, who comes in 50 g / 105 m skeins. As soon as you touch it, you can feel how soft it is. The shot effect gives Flambé a vivacious touch, and the solid colors of its numerous shades (24!) make it ideal both for classic and à la mode garments.

I tested Flambé with Tunisian crochet, and for this technique at least I found that it suits fabric stitches more than lacey ones. With the Tunisian simple stitch this yarn made the stich really stand out and look pretty lively, while with a simple lace stitch the result was not as astounding. It doesn’t look bad, but the shot effect tends to hide the lace a bit.

I washed my swatch in cold water with a bit of vegetal soap, and blocked it as it was drying. The yarn behaved perfectly, not loosening up and maintaining its shape. It also remained really soft and drapey.

Considering the yarn’s qualities, I agree with Borgo de’ Pazzi and I’d recommend Flambé for comfy sweaters and shawls; not lacey, elaborated ones, but linear and clean looking garments.

This is definitely a cotton you want to try, if you love crocheting or knitting with summery yarns.

Flambé è il nome di un filato di cotone a marchio Borgo de’ Pazzi, che io ho avuto la fortuna ed il privilegio di testare. Ecco le mie impressioni.

Flambé è un cotone cardato, non mercerizzato, venduto in gomitoli da 50 g / 105 m. Appena lo si tocca, si percepisce la sua morbidezza. L’effetto fiammato dona a Flambé un tocco vivace, e le tinte unite dei numerosi colori in cui è disponibile (ben 24!) lo rendono il filato ideale per accessori sia classici che alla moda.

Ho testato Flambé con l’uncinetto tunisino, e almeno per questa tecnica l’ho trovato più adatto ai punti tessuto che ai punti pizzo. Con il punto tradizionale il filato esalta al massimo il punto, mentre con un semplice punto pizzo il risultato non è altrettanto esaltante. Non rimane brutto, ma la fiammatura tende a nascondere un po’ il traforo.

Ho lavato il mio campione in acqua fredda con poco sapone vegetale e l’ho messo in forma per l’asciugatura. Il filato si è comportato in modo impeccabile, senza lasciarsi andare e mantenendo la sua forma. E’ anche rimasto molto soffice e avvolgente.

Considerate le qualità del filato, concordo con Borgo de’ Pazzi nel consigliare Flambé per maglioni e scialli morbidi e confortevoli; non capi in pizzo molto elaborati, ma accessori lineari e dal look pulito.

Flambé è sicuramente un cotone da provare, se vi piace realizzare ad uncinetto o a maglia accessori estivi.

Like a Wave of the Sea

I’m glad to announce the publication of my very first set of Tunisian crochet accessories, named Like a Wave of the Sea, and including a scarf and a headband.

Like a Wave of the Sea features an antique Tunisian crochet stitch named tricot écossais, which I renewed a bit by using two different colors. It’s a pretty lively stitch, and the combination of two watery colors made me think of the Sea and its waves. The name of the set comes from a poem by Irish poet W. B. Yeats, The Fiddler of Dooney, which starts with the following verses: When I play my fiddle in Dooney, / Folk dance like a wave of the sea.

The set is free till May 24, 2017 at 23:59 GMT+1 with coupon code SligoFair.

After that, you can get the whole set at a 25% off price on Ravelry.

Sono felice di annunciare la pubblicazione del mio primissimo set di accessori ad uncinetto tunisino, Like a Wave of the Sea, che include una sciarpa ed una fascia.

Like a Wave of the Sea presenta un antico punto del tunisino, chiamato tricot écossais, che io ho rinnovato un po’ tramite l’utilizzo di due colori differenti. Il punto è piuttosto vivace, e la combinazione di colori nelle tonalità dell’acqua mi ha fatto pensare al mare ed alle sue onde. Il nome del set deriva da una poesia del poeta irlandese W. B. Yeats, The Fiddler of Dooney (Il violinista di Dooney), che inizia con i versi Quando suono il mio violino a Dooney, / la gente balla come un’onda del mare.

Il modello sarà gratuito fino alle 23:59 del 24 maggio 2017 con il coupon SligoFair.

Potete acquistare l’intero set scontato del 25% su Ravelry.

Vi ricordo anche che se vi interessa l’uncinetto tunisino a 360° potete unirvi al gruppo Facebook che gestisco con Veruska, tutto in italiano, “Tunisino, uncinetto di-vino“.