Pausa – Break

I deleted my last post.

It’s too easy to be misunderstood when writing personal posts, and right now I’m not in the mood to deal with such problems. I might write a longer, more detailed one in the future, but it’s not likely. I already explained my reasons here, and I don’t feel like I need to explain myself any further.

A word to the wise is enough.

Right now, I need a break – another one.

Poggio Franzille Alpe

Valle Stura, Rittana – Oltre Poggio Franzille, vista sull’Alpe

Ho cancellato il mio ultimo post.

Venire fraintesi quando si scrivono post personali è troppo facile, e ora come ora non ho testa per confrontarmi con questi problemi. Magari ne scriverò uno più lungo e più dettagliato, in futuro, ma non è probabile. Ho già spiegato qui le mie ragioni, e non sento di dovermi giustificare ulteriormente.

A buon intenditore poche parole.

Ora come ora, ho bisogno di una pausa – un’altra.

Advertisements

Time to Change

(She) was thirty years and running when (she) found (her) way back home,
Riding a storm across the mountains, and an aching in (her) heart,
Said (she) came to turn the pages and to make a brand new start.

John Denver, “Wild Montana Skies”

16-12-2017

As I mentioned about a month ago, I took a break in order to think. Here’s what I’ve been thinking about.

A year ago I joint the team of Maglia-Uncinetto.it, to write mainly about Tunisian crochet, my favourite technique. In 12 months I wrote 23 posts about Tunisian crochet: books’ reviews, lists of patterns to be found online, and technical articles (hopefully, my best works). There are 2 posts I’m particularly proud of: the one where I introduced a table of TC stitches’ names in Italian (and English), compiled with Veruska, and the one dedicated to the technique’s history, for which I did a pretty long research.

And TC was not my only topic. I also reviewed yarns, some by big Italian names such as Borgo de’ Pazzi and Tintoria di Quaregna, some by marvelous indie dyer Fish&Stich.

In the meantime, I projected and published 14 patterns for TC accessories; in March I founded, with Veruska, Facebook groupTunisino, uncinetto di-vino“, which in less than a year got up to almost 3000 members; also, I kept this blog constantly updated, publishing reviews about books and hooks, and general opinions too.

Basically, I tried to spread my passion for this technique, and I believe I did a rather good job.

But… but, there’s a but: since last Autumn, I’m not so happy about what I do in this context, which means online.

During my break, between old and new year, I focused on the problems. I started by asking myself: I started these projects for… what?

Sheer ambition? No. I’ve never been an ambitious person. Did I want to try and be a crochet designer and/or teacher to make up my wages? Maybe. Money would be handy, of course, but I soon understood I had neither the physical nor the mental ability to fulfill today’s market’s requests for these activities – not in order to earn something worthy. So I did it for a sense of revenge? To show people that didn’t believe in me, that somehow hurt me, that I could do something valiant too? Maybe. Did I want to delude myself thinking I was part of a lovely environment of creative people, with great inputs to make me grow, at a technical level? Maybe.

Did I do it for the sake of the technique, to get more people to know it, to help remove its “poor relative”‘s nuance constantly following it? Yes.

And like that, all of a sudden I found myself in an elevated position from the average enthusiast, a position that saw me bestowing suggestions, opinions and illuminations, after a brief time of more than hard studying.

I kept tilting at windmills, committing myself, doing my best to convince my readers to approach Tunisian crochet.

What did I fight against, I’m wondering? Who did I fight against? I haven’t figured this out yet, but I figured out something: I’m tired.

I don’t feel the yearning that got me on this road a year and a half ago.

The fire might burn again, but so far, it’s estinguished. I may be burnout after having done too much (for my standards), maybe I’m disappointed because I was expecting something different from the so-called “creative” world in general. Maybe I simply understood that I should have changed to become a part of that world.

And I have no intention to change.

I belong to my city, to my valleys, to my mountains (and to the sea, always in my heart)… to my people.

During last Summer something unexpected (not even hoped!) started to happen; this led to some big changes in my life, in just a few months. I had the chance to take parte to some projects about the mountains, for the mountains, with special and important people I love very much.

I’m not gonna earn anything from this, in material terms, but I’ll be able to really do something for the places I love. Dedicating myself to something I know and with which I have a special bound gave me the chance to feel an enormous sense of joy and satisfaction, with no stress at all. Such a difference from the negativity that kept me company when I had to publish a pattern or a post! What a relief, to be able to be myself without having to “keep up” with the public’s expectations! How nice, to feel at home!

Now I know I have to concentrate on these projects, dedicating all my free time, my energies and my intellectual capacities to them.

I’m not saying I won’t deal with Tunisian crochet anymore, and I’m not gonna leave Maglia-Uncinetto.it’s team, nor my FB group. Most of my attention, though, will be elsewhere.

I’ll keep crocheting and knitting, of course – not only that, I intend to learn a new craft! But, my more “professional” side will be focused on something else.

I spent more than a year trying to understand if I was a determined kind of person, and if I wanted a determined kind of life. I understood that I’m not such a person, and I don’t want such a life, and on the way I got the proof I wanted: I am who I thought I was.

Now it’s time to think about myself, finally. 

16-12-2017

Tempo di cambiare

(She) was thirty years and running when (she) found (her) way back home,
Riding a storm across the mountains, and an aching in (her) heart,
Said (she) came to turn the pages and to make a brand new start.

John Denver, “Wild Montana Skies”

16-12-2017

Aveva 30 anni ed era di corsa quando ritrovò la strada di casa,
Cavalcando una tempesta attraverso le montagne, ed un dolore nel cuore,
Disse di voler voltare pagina e ricominciare da capo.

John Denver, “Wild Montana Skies”

Per ora scriverò questo lungo post solo in italiano, con buona pace dei miei lettori internazionali.

Come avevo accennato un mesetto fa, mi sono presa una pausa di riflessione. Ecco quello su cui ho riflettuto.

Un anno fa mi sono lanciata nell’avventura della collaborazione con Maglia-Uncinetto.it, come addetta (principalmente) agli articoli sull’uncinetto tunisino, mia tecnica di elezione. In 12 mesi ho scritto 23 post incentrati sull’uncinetto tunisino: recensioni di libri, proposte di modelli reperibili in rete, ed articoli tecnici (auspicabilmente, le mie produzioni più interessanti). I due post di cui sono più orgogliosa sono quello in cui ho presentato la tabella di nomi dei punti del tunisino, compilata con Veruska, e quello dedicato alla storia della tecnica, frutto di una mia lunga ricerca in merito.

Non mi sono limitata al tunisino. Ho scritto anche recensioni di filati stupendi, sia di grandi marchi italiani come Borgo de’ Pazzi e Tintoria di Quaregna, sia di un’artigiana meravigliosa come Fish&Stich.

Nel frattempo, ho progettato e pubblicato 14 modelli di accessori realizzati ad uncinetto tunisino; a marzo ho fondato, insieme a Veruska, il gruppo FacebookTunisino, uncinetto di-vino“, che nel giro di nemmeno un anno è arrivato a contare quasi 3000 membri; nel mentre, ho continuato ad aggiornare con costanza questo blog, pubblicando anche qui recensioni di libri, strumenti, e pareri vari assortiti.

Insomma: ho cercato di trasmettere la mia passione per questa tecnica, e credo di aver fatto, per quanto possibile, un buon lavoro.

Però… però, c’è un però: dall’autunno scorso non sono più così felice di quello che faccio in questo contesto, cioè online.

Durante la pausa di riflessione, a cavallo col cambio d’anno, ho messo a fuoco i problemi. Mi sono chiesta: ho iniziato a dedicarmi a questi progetti per… cosa?

Ambizione pura? No. Non sono mai stata una persona ambiziosa. Volevo provare a fare la designer e/o l’insegnante di uncinetto per arrotondare? Forse. I soldi farebbero comodo, eccome, ma ho capito presto di non avere la capacità fisica e mentale di adempiere alle richieste di quello che è attualmente “il mercato” per queste attività, almeno, non per ricavarne introiti degni di nota. Allora l’ho fatto per un senso di rivalsa? Per dimostrare a persone che non credevano in me, che in qualche modo mi avevano ferita, che potevo riuscire a fare qualcosa di valido anche io? Forse. Volevo illudermi di far parte di un ambiente di creativi incredibili, con input stimolanti che mi dessero la possibilità di crescere, a livello tecnico? Forse.

L’ho fatto per amore della tecnica, per farla conoscere, per aiutare a toglierle quella patina da parente povera di maglia e uncinetto che da sempre la accompagna? Per entusiasmare lettori e follower, e convincerli a provare l’uncinetto tunisino? Sì.

E così, all’improvviso mi sono trovata in una posizione “elevata” rispetto all’appassionato medio che si dedica ad una tecnica, cioè nella posizione di elargire consigli, pareri e delucidazioni, dall’alto della mia esperienza acquisita in poco tempo di studio più che intensivo.

Ho condotto una personalissima battaglia contro i mulini a vento, impegnandomi, facendo del mio meglio per convincere i lettori ad avvicinarsi all’uncinetto tunisino.

Contro cosa ho combattuto, mi domando ora? Contro chi? Questo ancora non l’ho capito, ma quello che ho capito è che mi sono stancata.

Non sento più dentro di me il fuoco che mi ha spinta ad intraprendere questa strada, un anno e mezzo fa.

Non è detto che non ricominci ad ardere, ma per il momento si è sopito. Forse sono andata in burnout per aver voluto strafare (per i miei ritmi), forse sono delusa perché mi aspettavo qualcosa di diverso dal mondo cosiddetto “creativo” in generale. Forse ho semplicemente capito che sarei dovuta cambiare per far davvero parte di quel mondo.

E io non ho nessuna intenzione di cambiare.

Appartengo alla mia città, alle mie valli, alle mie montagne (e al mare che porto sempre nel cuore)… alla mia gente.

Durante l’estate si sono messi in moto una serie di eventi, inaspettati e non cercati (neppure sperati!), che hanno portato, nel giro di qualche mese, a grandi cambiamenti nella mia vita. Mi si è presentata l’occasione di partecipare ad alcuni progetti sulla montagna, per la montagna, con persone speciali ed importanti, a cui tengo molto.

Non ci guadagnerò nulla, a livello materiale, ma avrò la soddisfazione di fare qualcosa di concreto per il territorio che amo. Dedicarmi a qualcosa che conosco e con cui ho un legame speciale mi ha dato la possibilità di provare una gioia ed una soddisfazione immense, in totale assenza di stress. Che differenza, rispetto alla negatività che mi accompagnava quando dovevo pubblicare un modello o un post! Che sollievo, poter essere me stessa e non dovermi dare “un tono” per essere all’altezza delle aspettative del pubblico! Che bello, sentirmi a casa!

Sento di dovermi concentrare su questi progetti, dedicandovi tutto il mio tempo libero, e tutte le energie e risorse intellettuali di cui dispongo a fine giornata.

Non dico che non mi occuperò più di uncinetto tunisino, e non abbandonerò né il team di Maglia-Uncinetto.it né il gruppo FB. Però la maggior parte della mia attenzione sarà rivolta altrove.

Continuerò ad uncinettare e sferruzzare, naturalmente – anzi, ho anche intenzione di imparare una nuova arte tessile! Però il mio lato più “professionale” sarà focalizzato su altro.

Ho passato più di un anno a valutare se ero un determinato tipo di persona, e se volevo un determinato tipo di vita. Ho capito di non esserlo, e di non volerlo, e lungo il percorso ho avuto conferma di chi sono.

Ora, finalmente, è arrivato il momento di pensare a me.

Winter break – Pausa d’Inverno

It’s Winter!

It’s officially Winter, and I officially need to rest.

I have way too many things going on at the moment, and I feel like I don’t have enough energy for my Tunisian crochet.

2017 has been a strange year, a year of changes; most of them were positive, some of them I can’t tell for sure yet. I need time to concentrate on these changes, and to figure out my future road. I lost my way, somewhere in the past months. I gave way too much importance to people, events and things that really don’t mean so much to me, after all.  Or better yet, I feel like they don’t “belong” to me, to the person I really am. All these “things” drained me of most of my energy, without giving me joy or satisfaction; now that I finally realised it, I need to step back from all of this and concentrate on other aspects of my life.

Moreover, I found stimulating projects I really want to offer my energies and dedication to, most of them involving my beloved mountains.

So, long story short, I’m taking a break.

I wish all of you, my dear readers, a marvelous time during these holidays, and send y’all blessings.

25151972_10156012638017052_8971864164670049159_n

Esther Remmington, “Winter Wonder”

È Inverno!

È ufficialmente inverno, ed io ho ufficilamente bisogno di riposarmi.

Ho troppe cose per le mani, al momento, e sento di non avere abbastanza energia per il mio uncinetto tunisino.

Il 2017 è stato un anno strano, di cambiamenti; molti di questi sono stati positivi, ma alcuni devo ancora capirli. Ho bisogno di tempo per concentrarmi sui cambiamenti in questione, e per capire la mia strada futura. Una strada che ho perso, ad un certo punto, nei mesi scorsi. Ho dato troppa, davvero troppa importanza ad eventi e questioni che in realtà non significano granché, per me, alla fin fine. O meglio ancora, sento che non mi “appartengono”, non si addicono alla persona che sono. Tutte queste “cose” mi hanno portato via un sacco di energia, senza darmi in cambio gioia o soddisfazioni; ora che me ne sono finalmente resa conto, ho bisogno di fare un passo indietro e concentrarmi su altri aspetti della mia vita.

Oltretutto, ho trovato dei progetti davvero stimolanti, la maggior parte dei quali coinvolgono le mie amate montagne, a cui voglio assolutamente dedicarmi con tutte le mie energie.

Per farla breve, faccio una pausa.

Auguro a tutti voi, cari lettori, un meraviglioso periodo di festa.

Merry Yule

Want to celebrate?

To wish all my follower a Merry Yule, here’s my gift: you can choose one of my patterns and get it 30% off with coupon BlazingYule.

Promotion will last till December 24, 2017 at 23:59 GMT+1.

twice_as_good__1_

Volete festeggiare?

Per augurare a tutti i miei lettori un Felice Yule, ecco il mio regalo: potete scegliere uno dei miei modelli ed averlo scontato del 30% con il coupon BlazingYule.

La promozione sarà valida fino alle 23:59 del 24 dicembre.

Holly Red

Looking for a special item to celebrate the beauty of Winter and Yule’s magic?

Holly Red is the accessory for you!

Holly Red is a lovely triangular scarf, with an easy construction and a great combo of stitches that gives it a unique look.

Make it as a gift for someone special, or for yourself: I’m sure it’ll keep you warm and happy throughout the Winter!

Holly Red will be free till December 7, 2017 at 23:59 GMT+1 with coupon code ToBeHolly. Enjoy!

State cercando un accessorio speciale con cui celebrare la bellezza dell’inverno e la magia di Yule?

Holly Red è quello che vi ci vuole!

Holly Red è una graziosa sciarpa triangolare, con una costruzione semplice ed una bella combinazione di punti che le donano un aspetto unico.

Fatela per regalarla a qualcuno di speciale, oppure a voi stessi. Sono certa che vi terrà al caldo e vi renderà felici per tutto l’inverno.

Holly Red sarà gratuita fino alle 23:59 GMT+1 del 7 dicembre 2017 con il coupon ToBeHolly. Divertitevi!

A poncho / Un poncho

It’s that time of the year: poncho time!

If you enjoy wearing ponchos, why not making a simple yet pretty one yourself? Arrows & Purls, my brand new pattern, contains instructions for an easy poncho, perfect for these Autumn days.

Arrows & Purls is 30% off till October 23, 2017 at 23:59 GMT+1 with coupon code Purl&Hook: enjoy!

17098483_270691080011363_4163995593488097004_n

Siamo arrivati a quel momento dell’anno: l’ora del poncho!

Se vi piace indossare i poncho, perché non farvene uno? Arrows & Purls, il mio nuovo modello, contiene le istruzioni per un poncho semplice, perfetto per queste giornate autunnali.

Arrows & Purls sarà scontato del 30% fino alle 23:59 del 23 ottobre 2017 con il coupon Purl&Hook: approfittatene!

Taste of Autumn

Don’t you just love Autumn?

I adore the season, and to celebrate its beauty I uploaded an updated version of 2 of my patterns, Pumpkin Skin and November Shades.

They’re both Tunisian crochet scarves, rated easy; Pumpkin Skin is worked straight then joint, while November Shades is worked in the round (lots of fun!). They use the same stitch, but the final effect is pretty different, as you can see. Both scarves are made with Kuki by Borgo de’ Pazzi, a marvelous yarn with a peculiar composition that adds a special touch to both items.

If you purchase both patterns, you can get a nice discount using coupon AutumnROX.

Non amate l’autunno?

Io adoro questa stagione, e per celebrarne la bellezza ho pubblicato un aggiornamento di 2 miei modelli, Pumpkin SkinNovember Shades.

Sono entrambe sciarpe ad uncinetto tunisino, valutate easy; Pumpkin Skin è lavorata in piano e poi unita alle estremità, mentre November Shades è lavorata in tondo (divertentissima!). Utilizzano lo stesso punto, ma l’effetto finale è piuttosto diverso, come si può vedere dalle foto. Entrambe le sciarpe sono realizzate con Kuki di Borgo de’ Pazzi, un filato fantastico dalla composizione curiosa, che dà un tocco particolare ai progetti.

Acquistando entrambi i modelli riceverete uno sconto inserendo il coupon AutumnROX.

20% off on Neon Light

Have you seen my brand new Tunisian crochet scarf, Neon Light?

In case you missed the introductory offer, don’t worry:

Neon Light will still be 20% off till September 30th at 23:59 GMT+1 with coupon code RestlessDreams.

21463056_352578115155992_882962859598025815_n

Avete già visto la mia nuova sciarpa ad uncinetto tunisino, Neon Light?

Se vi siete persi l’offerta lancio, non preoccupatevi:

Neon Light sarà ancora scontata del 20% fino alle 23:59 GMT+1 del 30 settembre con il coupon RestlessDreams.

Flash of a Neon Light

 

In restless dreams I walked alone / Narrow streets of cobblestone; / ‘Neath the halo of a street lamp / I turned my collar to the cold and damp, / When my eyes were stabbed by / The flash of a neon light / That split the night, / And touched the sound of silence.

~Simon & Garfunkel’s “The Sound of Silence

Neon Light is a simple Tunisian crochet scarf, made stunning by a smart use of relatively unusual stitches and self-striping yarn. The extended and double stitches, combined with a thin yarn and relatively big hook, make it look somewhat similar to lace items, without using a complex lace structure. Self-striping or gradient yarns are ideal for this scarf, as colorful yarns enhance the pattern.

Its name is a tribute to my favourite musicians ever, of course.

Pattern will be free till September 28th at 23:59 GMT+1 with coupon code HelloDarkness.

 

Neon Light è una semplice sciarpa ad uncinetto tunisino, resa speciale da un uso originale di punti poco noti uniti ad un filato auto-rigante. I punti allungati e alti, insieme ad un filato sottile e ad un uncinetto piuttosto grande, creano un effetto vagamente simile al pizzo, senza però ricorrere a punti complessi. Filati auto-riganti o gradient sono perfetti per questa sciarpa, dato che i colori fanno risaltare ancora di più la trama.

Il nome del modello è, ovviamente, un omaggio ai miei musicisti preferiti.

Il modello sarà gratuito fino alle 23:59 del 28 settembre con il coupon HelloDarkness.