John Barleycorn

To celebrate the very special festival of Lughnasadh, I’m glad to introduce my new pattern, John Barleycorn.

Yep, you got it: as a celebration of the powers of Nature during this special day, I’m proud to publish a new shawlette named John Barleycorn.

John Barleycorn is the title of a British folk song, whose main character is the personification of the barley, and of the main alcoholic beverages made from it, beer and whisky. It’s a meaningful song, and I decided to name the shawlette after its character both because of the stitch and the colour I used. The stitch reminds barley’s grains, and the rich dark yellow made me think of ripe barley fields – and of blonde beer, of course.

It’s an easy pattern, ideal for beginners, which creates a textured shawlette, perfect for late Summer evenings.

With the coupon Lugh, you can get John Barleycorn for free till August 2, 2017 at 23:59 GMT+1.

After that, with coupon Tailtiu you can get John Barleycorn with a 30% discount from August 2, 2017 at 23:59 GMT+1 to August 5, 2017 at 23:59 GMT+1.

Per celebrare Lughnasadh, sono lieta di presentarvi il mio nuovo modello, John Barleycorn.

Esatto: per festeggiare la Natura in questo giorno speciale, ho pubblicato un nuovo scialle, John Barleycorn.

John Barleycorn è il titolo di una canzone folk britannica che ha per protagonista la personificazione dell’orzo, e delle principali bevande alcoliche derivate dal cereale, la birra e il whisky. Si tratta di una canzone ricca di significati, e ho deciso di dare lo stesso nome al mio scialletto sia per il punto che per il colore. Il punto, infatti, ricorda i chicchi d’orzo, e il giallo ricco del filato fa pensare ai campi d’orzo maturo – ed alla birra bionda, naturalmente.

Si tratta di un modello facile, ideale per i principianti, che crea uno scialletto perfetto per le notti di fine estate.

Utilizzando il coupon Lugh, potete avere John Barleycorn gratis fino alle 23:59 GMT+1 del 2 agosto.

A seguire, con il coupon Tailtiu potete acquistare John Barleycorn scontato del 30% dalle 23:59 GMT+1 del 2 agosto alle 23:59 GMT+1 del 5 agosto.

Tunisian crochet pattern books for beginners / Libri di modelli di uncinetto tunisino per principianti

I wrote about Tunisian crochet books for beginners, but today I’d like to concentrate on Tunisian crochet pattern books who are suitable for beginners.

There are many Tunisian crochet pattern books out there, and here’s a list of my personal favourites which, I believe, can help beginners who want to transition from simple swatches to finished items. They are all by famous designers you probably already know, but maybe I can give you some interesting hints about said books.

My favourite Tunisian crochet pattern books for beginners:

  • Get Hooked on Tunisian Crochet by Sheryl Thies (here in digital version); I love Sheryl, as I said before, and I think this book is marvelous, especially for beginners;
  • Ultimate Beginner’s Guide to Tunisian Crochet (here in digital version) by Kim Guzman; a great selection of patterns, from easy to intermediate;
  • Tunisian Shawls (here in digital version) by Sharon H. Silverman; a book of shawls, of course, so if you love such items you’ll love this book. There are some complex shawls in this, but there are also easy ones, so if you want to learn how to make Tunisian crochet shawls, this will suit you fine.

These are 3 great books which I’m sure will help you figure many Tunisian crochet passages out; the projects in them are all lovely and fun to make, so if you have the chance consider buying ’em. You won’t regret it.

Qualche tempo fa ho scritto di libri di uncinetto tunisino per principianti, e oggi vorrei concentrarmi sui libri di modelli adatti appunto ai principianti.

Ci sono molti libri di uncinetto tunisino in giro, e di seguito troverete una lista di alcuni tra i miei titoli preferiti che, a mio avviso, possono essere di grande aiuto ai principianti che vogliono passare dai campioni ai capi terminati. Sono libri di designer famose che probabilmente già conoscerete.

Ecco i miei consigli:

  • Get Hooked on Tunisian Crochet di Sheryl Thies (qui in versione digitale); adoro Sheryl, come ho già detto, e credo che questo libro sia fantastico, soprattutto per chi è agli inizi (ma non solo!);
  • Ultimate Beginner’s Guide to Tunisian Crochet (qui in versione digitale) di Kim Guzman; una selezione di modelli molto vari, dai più semplici a quelli un pochino più elaborati;
  • Tunisian Shawls (qui in versione digitale) di Sharon H. Silverman; si tratta di una raccolta di scialli, naturalmente, quindi se apprezzate i capi in questione vi piacerà. Ci sono alcuni scialli piuttosto complessi, ma anche diversi molto facili, quindi se volete imparare a creare scialli ad uncinetto tunisino, è il libro che fa per voi.

Sono 3 ottimi libri che di sicuro aiutano a capire alcuni passaggi chiave dell’uncinetto tunisino; i progetti sono belli e divertenti da realizzare, perciò se avete la possibilità di acquistarli non perdeteveli. Non ve ne pentirete.

Tunisian Crochet by Sharon H. Silverman

I was waiting for the digital version of Sharon H. Silverman’s Tunisian Crochet, and now that I got it I must say it: I love it!

Since I approached Tunisian crochet, I’ve been a fan of Sharon H. Silverman‘s designs. I deeply admire her because she creates simple-looking yet very stylish garments and accessories, which are both fun to make and nice to wear.

I’ve been waiting for her Tunisian Crochet to be available in digital; now I finally got it, and I really love it.

The book is perfect for those who don’t know Tunisian crochet at all: Sharon teaches the basis of the technique, then brings the reader through 16 projects to master what they learnt.

If you already know Tunisian crochet, don’t miss the book anyway: the projects are just amazing, and you’ll surely enjoy making ’em.

So, would I recommend this book?

Definitely! If you have the chance to buy it, go and get it: you won’t regret it!

5671195

Ho aspettato che Tunisian Crochet di Sharon H. Silverman fosse disponibile in versione digitale: finalmente l’ho comprato, e lo adoro!

Da quando mi sono avvicinata all’uncinetto tunisino ho ammirato i design di Sharon H. Silverman. Mi piace in modo particolare la sua capacità di creare capi e accessori semplici ma con stile, che sono sia divertenti da realizzare che belli da indossare.

Ho aspettato che il suo Tunisian Crochet fosse disponibile in digitale; ora l’ho acquistato, e mi ha davvero colpita.

Il libro è perfetto per chi non conosce affatto l’uncinetto tunisino: Sharon insegna le basi della tecnica, poi accompagna il lettore attraverso 16 progetti per mettere in pratica quanto imparato.

Se conoscete già l’uncinetto tunisino, non perdetevi comunque questo libro: i progetti sono fantastici, e di sicuro vi divertirete a realizzarli.

Quindi consiglio questo libro?

Assolutamente sì! Se avete la possibilità di comprarlo, non fatevelo scappare: non ve ne pentirete!

Il libro si può acquistare in versione cartacea seguendo questo link, o in versione digitale qui.

Tunisian crochet books for beginners – Libri sull’uncinetto tunisino per principianti

I’ll never grow tired of repeating how important it is to follow good books when learning a new technique. This applies to Tunisian crochet as well, of course.

As much as I love the internet, I do believe that good books are really important to learn techniques and crafts, especially if you’re teaching yourself how to do something. Don’t underestimate the utility of a good book.

So, which are the best books for Tunisian crochet beginners?

In my humble opinion, the following titles are all amazing. I’m dividing ’em between stithionaries and manuals.

Stitchionaries:

Manuals:

These books will provide you both stitches and useful suggestions on how to work properly with Tunisian crochet. They’re really worth having.

Non mi stancherò mai di ripetere quanto sia importante seguire dei buoni libri quando si impara una tecnica nuova. Questo vale anche per l’uncinetto tunisino, naturalmente.

Per quanto apprezzi internet, ritengo che i buoni libri siano molto importanti per imparare tecniche e lavorazioni, soprattutto se si è autodidatti. Non sottovalutate l’utilità di un buon libro. La bravissima Valentina Cosciani ha approfondito bene l’argomento in un suo articolo per Maglia-Uncinetto che vi consiglio di leggere. Ovviamente, i suoi consigli valgono anche per l’uncinetto tunisino!

Quali sono i migliori libri per principianti dell’uncinetto tunisino?

Secondo il mio modesto parere, i titoli che seguono sono strepitosi. Li divido tra raccolte di punti e manuali veri e propri.

Raccolte di punti:

Manuali:

Tutti questi libri contengono sia punti che consigli utili su come lavorare al meglio ad uncinetto tunisino. Sono davvero libri che vale la pena avere.

Ravelry Group!

Since I have more and more patterns on Ravelry, I decided to create a Ravelry group to discuss ’em.

The number of my Tunisian crochet patterns is increasing (yay!), so I chose to open a group on Ravelry where people can discuss everything technical about ’em, show their projects and WIPs, and chat about everything Tunisian crochet related.

If you’d like to join, the group is Olden Patterns Designs.

I hope to see many of you there!

wildflowers___dragons__3_

The Magic Dragon

I’ve always loved the look of dragon’s tails scarves and shawls, and I couldn’t resist making my own version.

Well, dragon’s tails scarves/shawls are very popular, especially among Tunisian crocheters. Almost every one of us made at least one of these, often as a first project, but also for a fun, relaxing break among more difficult items.

I have no idea who “invented” the item itself, but many designers made their own versions of it. Among them, my favourite is Veronika Hug: she has various Tunisian crochet dragon’s tails tutorials on her YouTube channel. In particular, her Drachenschal Mailand inspired me to try and make a slightly different lacey dragon’s tail. I talked to Veronika, and she was very happy about this idea. So, off I went to write the pattern, had it tested, and now it’s available!

According to the spirit of the dragon’s tails that inspired me, The Magic Dragon is free and will stay free. I do hope you’ll enjoy it – and maybe this dragon’s tail will bring a bit of magic to you.

You can download The Magic Dragon directly from Ravelry, both in English and Italian.

Mi sono sempre piaciuti gli scialli e le sciarpe a coda di drago, e non ho saputo resistere: dovevo farne una mia versione.

Gli scialli e le sciarpe a coda di drago sono molto popolari, soprattutto tra gli appassionati di uncinetto tunisino. Quasi tutti ne abbiamo fatta almeno una, spesso come primo progetto, ma anche solo per divertirci un po’ rilassandoci tra un progetto impegnativo e l’altro.

Non so chi abbia “inventato” il modello in questione, ma molti designer ne hanno proposto versioni personali. Tra questi, la mia preferita è Veronika Hug: sul suo canale YouTube si trovano diversi tutorial per questo tipo di accessorio. In particolare, mi sono lasciata ispirare dalla sua Drachenschal Mailand per creare una nuova coda di drago traforata. Ho parlato con Veronika, che si è mostrata molto felice dell’iniziativa. Così, tempo di scrivere il modello e farlo testare, et voilà: ora è online!

Nello spirito dei modelli che mi hanno ispirata, The Magic Dragon è gratuito e rimarrà tale. Spero che vi piacerà – e magari questa piccola coda di drago vi donerà un po’ di magia.

Potete scaricare The Magic Dragon da Ravelry, in italiano e inglese.

Taraxacum – Triangular Shawl

Chi ha detto che l’uncinetto tunisino non è adatto ai capi in pizzo? Chiunque sia stato, il mio nuovo scialle, Taraxacum, dimostra che ha torto!

Spesso si associa l’uncinetto tunisino a tessuti piuttosto pesanti, ma non lasciatevi ingannare: è perfetto anche per creare bellissimi motivi in pizzo! Il mio primissimo scialle, Taraxacum, rende bene l’idea: con soli 100 g / 800 m di filato lace Ortica 400 di Borgo de’ Pazzi ho creato uno scialletto (che si può indossare anche come sciarpa) leggero come l’aria.

Ne sono molto orgogliosa – e ancora di più perché è il primo modello che ho realizzato in collaborazione con una filatura famosa, quindi mi sento davvero onorata!

La difficoltà di Taraxacum è valutata intermediate secondo i canoni del Craft Yarn Council, quindi se siete principianti dell’uncinetto tunisino vi consiglio di iniziare con qualcosa di più semplice e poi cimentarvi con questo. Tra i miei modelli, se volete prendere confidenza con il pizzo ad uncinetto tunisino, vi suggerisco Foglioline e/o Like a Wave of the Sea.

Potete acquistare il kit filato + modello qui.

 

18671626_308848102862327_3225944795605040947_o

taraxacum__2__medium2

Who says Tunisian crochet doesn’t suit lace?  Whoever they are, my brand new shawl, Taraxacum, proves ’em wrong!

Tunisian crochet is often associated with rather heavy fabrics, but don’t be fooled: it can be used to create wonderful lacey patterns, too! My very first shawl, Taraxacum, shows this very well: with only 100 g / 800 m of lace yarn Ortica 400 by Borgo de’ Pazzi I created a shawlette (which can be worn as a scarf, as well) that is light as a breeze.

I’m very proud of it – even more because it’s the first pattern that I made in collaboration with a famous yarn brand, so I feel really honoured!

Taraxacum‘s difficulty is rated intermediate according to Craft Yarn Council’s standards, so if you’re a Tunisian crochet beginner I would recommend starting with something easier, then come back and try your hand at it. Among my patterns, if you want to practice with Tunisian lace, I would suggest Foglioline and/or Like a Wave of the Sea.

You can find Taraxacum’s English version online for free here.

In case you speak Italian and want the Italian version, you can buy the yarn + pattern kit here.

The Age of Brass and Steam

As I mentioned, I’m trying to improve my knitting.

And trying to improve said skill, I opted for an item that always fascinated me for its clean, sharp look: The Age of Brass and Steam Kerchief by Orange Flower Yarn. I approached the project with a bit of fear – I was almost sure it’d prove too difficult for me.

To my surprise, it didn’t!

I chose to use a big pair of needles, 6.5 mm, a worsted weight nameless cotton, and see what would happen. I followed the instructions blindly, without trying to understand what I was doing, but simply doing what the pattern said. As I’m learning, knitting is made of things that you understand after having done ’em. Well, in about 5 days, my shawl was finished! And let me say, it looks pretty damn good, too! Of course there were minor mistakes (a missing stitch, too many stitches, things like that), but I managed to take care of ’em as I was knitting, so they are not visible in the finished shawl.

So, am I happy about it?

Definitely! Of course there’s a lot to improve about my knitting, but I found this experiment very pleasant, so I’m gonna keep knitting, from time to time.

Come ho detto, sto cercando di migliorare le mie abilità con la maglia.

E in quest’ottica, ho scelto di provare a realizzare un capo che mi ha sempre affascinata per il suo look semplice e pulito, The Age of Brass and Steam Kerchief di Orange Flower Yarn. Mi sono avvicinata al progetto con un po’ di timore – ero quasi sicura che si sarebbe dimostrato troppo difficile per me.

Con mia grande sorpresa, non è stato così!

Ho utilizzato un paio di ferri abbastanza grandi, 6,5 mm, ed un cotone worsted senza nome. Ho seguito ciecamente le istruzioni, senza cercare di capire che cosa stavo facendo, ma semplicemente facendo quello che il modello richiedeva. Sto imparando che la maglia è composta da una serie di cose che capisci dopo averle fatte. Bene, in circa 5 giorni, il mio scialle era finito! E lasciatemelo dire, è venuto anche piuttosto carino! Ovvio, ci sono stati piccoli errori (mancava un punto, c’erano troppi punti, roba così), ma sono riuscita ad occuparmene mentre sferruzzavo, quindi gli errori non sono visibili nel lavoro terminato.

E quindi, sono felice di questo scialle?

Molto! Naturalmente ci sono ampi margini di miglioramento per quanto riguarda le mie capacità con i ferri, ma questo esperimento mi è piaciuto, quindi continuerò a sferruzzare, di tanto in tanto.

Come nota finale, segnalo ai miei lettori italiani che questo modello è disponibili, oltre che in inglese e in tedesco, anche in italiano: la traduzione è a cura di Alice Twain, quindi è ottima. Io ho seguito le istruzioni in inglese per una mia preferenza personale, però se non ve la sentite sappiate che della versione in italiano ci si può fidare.

Giza by Borgo de’ Pazzi

Giza is a cotton yarn by Italian brand Borgo de’ Pazzi, which I’ve been lucky enough to try and test myself. Here are my thoughts about it.

Giza is a very interesting yarn: it’s 100% Egyptian cotton, not mercerised, and it comes in 50 g / 125 m skeins. One thing you immediately notice when you touch it is how soft it feels. Unlike mercerised cottons,  Giza perfectly maintains cotton’s natural softness.

The yarn is pure delight to work with.

It doesn’t split at all, it slips well on tools (but not too much!), and the result is lovely both with fabric and lace stitches. In fact, the stitches’ definition is great, so I would suggest using this yarn for textured items and for ones who use open stitches as well.

If you’re looking for a cotton with which to make a Spring/Autumn nice shirt (like Geis by Alice Twain), or a nice Summer shawl (like Chworktap, also by Alice Twain), this is the yarn for you.

Giza is available in one-color, variegated and blended (which creates a great pooling effect when worked, as you can see from Chworktap).

Thanks to Borgo de’ Pazzi for providing me with the yarn for this review.

Giza è un filato di cotone di Borgo de’ Pazzi, che ho avuto la fortuna di provare in prima persona. Ecco che cosa ne penso.

Giza è un filato molto interessante: è cotone egiziano al 100%, non mercerizzato, ed è venduto in gomitoli da 50 g / 125 m. Una cosa che si nota subito toccando Giza è quanto sia soffice. A differenza dei cotoni mercerizzati, infatti, Giza mantiene intatta tutta la morbidezza della fibra.

Lavorare il filato è stupendo.

Il filo non si separa, scivola bene sugli strumenti (ma non troppo!), e il risultato finale è intrigante sia con i punti tessuto che con i punti pizzo. In effetti, la definizione dei punti è fantastica, quindi suggerisco di provarlo sia con capi che utilizzano punti tessuto elaborati che con accessori che presentano punti aperti.

Se cercate un cotone con cui farvi una bella maglietta primaverile/autunnale (come Geis di Alice Twain), oppure uno scialle estivo (come Chworktap, sempre di Alice Twain), questo è il filato che fa per voi.

Giza è disponibile a tinta unita, variegato e sfumato (quest’ultimo crea un effetto pooling fantastico, come potete vedere da Chworktap).

Se volete leggere altri pareri su Giza, qui trovate una recensione di Alice Twain, e qui una di Ivan Lazzaretti.

Grazie a Borgo de’ Pazzi per avermi fornito il filato per questa recensione.

 

 

Of Denise tools, and how I came to love ’em / Degli strumenti Denise, e di come ho iniziato ad amarli

I already talked about Denise interchangeable crochet hooks, but today I’d like to talk about their interchangeable knitting needles.

If you follow my blog, you might remember a post I wrote about Denise interchangeable crochet hooks, which I, of course, use for Tunisian crochet. What you probably don’t know is that since last December I’m desperately trying to improve my knitting skills, which, I must say, were about zero. I found a marvelous mentor in Italian designer and teacher Alice Twain, who’s constantly helping me figuring things out. I finally understood how on earth you knit (I knew the movements before, but all that just didn’t make sense to me), I changed my method from English to Continental and then to Eastern Uncrossed, which is by far my favourite, and then I faced a new problem: knitting needles.

I tried several kinds of knitting needles, but I always had tension issues, with too much stress on my hands (which hurt) and some awful results in terms of knitting’s look – terrible rowing out, and everything. Since I enjoy Denise crochet hooks so much, I thought what the hell, let’s give the knitting needles a try! I’m a set kinda gal when it comes to tools, it’s either all or nothing, so I bought a Brights set and waited for it to arrive with much curiosity and a bit of fear – what if I hated ’em?

Well, I was a fool to worry: these knitting needles are marvelous.

They’re just what I was looking for: not too slippery, with just the right grip, great tips (not too pointy but not rounded, either), and the cable connection system is just so nice, a click and the cable is connected, another click and you switch needles… ah, the comfort! I knitted some small swatches with them, and I just couldn’t believe how relaxed my hands were (no hurt! Yay!); plus, no rowing out at all!

So, I’m no expert knitter, but if you’re looking for circs I definitely recommend considering Denise’s.

As you may know, all Denise products are made in the USA, come with an interesting guarantee, and also help supporting some great projects: one is Denise’s Pink Project, and the other one is Stitch Red campaign.

I’ll never thank my Maglia-Uncinetto colleagues Alice and Veruska enough for bringing me to the Denise’s side of tools! 😉

needleheads

Denise knitting needles (heads) by StitchDiva

Ho già parlato degli uncinetti intercambiabili Denise, ma oggi vorrei parlare dei loro ferri circolari intercambiabili.

Se seguite il mio blog forse ricorderete un post sugli uncinetti intercambiabili Denise, che io naturalmente uso per l’uncinetto tunisino. Quello che probabilmente non sapete è che dallo scorso dicembre sto cercando di migliorare le mie conoscenze di maglia, che in effetti erano pressoché nulle. Ho trovato una splendida mentore nella designer ed insegnante Alice Twain, che mi aiuta con costanza a capire le cose. In effetti sono riuscita a capire come si lavora a maglia (conoscevo i movimenti, ma non avevano alcun senso per me), ho cambiato dal metodo English al Continental per trovare la mia dimensione nell’Eastern Uncrossed, e poi mi sono trovata di fronte ad un nuovo problema: i ferri.

Ho provato diversi tipi di ferri, ma avevo sempre problemi di tensione, con troppo stress alle mani (che mi facevano male) e risultati terribili in termini di aspetto del lavoro – un rowing out terrificante, e quant’altro. Siccome mi piacciono molto gli uncinetti Denise, a un certo punto ho pensato al diavolo, proviamo anche i ferri! Sono una da set per quanto riguarda gli strumenti, o tutto o niente, quindi mi sono comprata un set di Brights e ho aspettato che arrivasse con molta curiosità e un po’ di paura – e se non fossi riuscita ad usarli?

Beh, mi preoccupavo per niente: questi ferri sono fantastici.

Sono proprio quello che stavo cercando: non troppo scivolosi, con la giusta presa, ottime punte (non troppo appuntite ma neanche tonde), e il sistema di collegamento dei cavi è comodissimo: un click e il cavo è connesso, un altro click e si cambiano ferri… ah, il comfort! Ho sferruzzato dei campioncini e non riuscivo a credere a quanto fossero rilassate le mie mani (niente dolori! Evviva!); inoltre, niente rowing out, sparito!

In conclusione, non sono una knitter esperta, ma se siete alla ricerca di ferri circolari intercambiabili vi consiglio decisamente i Denise.

Piccola nota finale, tutti i prodotti Denise sono fabbricati negli USA, offrono una garanzia interessante, e aiutano dei progetti ammirevoli: uno è il Denise’s Pink Project e l’altro è la Stitch Red campaign.

Non ringrazierò mai abbastanza le mie colleghe di Maglia-UncinettoAlice and Veruska, per avermi portata verso il lato Denise degli strumenti! 😉 Potete leggere una recensione degli strumenti Denise scritta da Alice qui.

Se acquistate dall’Italia, vi segnalo due ottimi negozi online presso cui potete trovare gli strumenti Denise. Uno è il fornitissimo Tombolo e Disegni (qui una ricerca specifica sui prodotti Denise, e qui potete leggere un articolo della nostra collega Valentina Cosciani sul negozio in questione), e l’altro è Gomitoli.com. Quest’ultimo è attualmente un po’ a corto di materiale, ma è da tenere d’occhio in vista di arrivi futuri.